Area Protetta di TOR CALDARA – Lavinio, Roma

(foto di Debora Macchi)
È un lembo di costa miracolosamente scampato all’urbanizzazione, tra gli abitati di Anzio e Lavinio. Una torre eretta nel Cinquecento per l’avvistamento dei pirati saraceni oggi fa la guardia alle dune fossili, frequentate dai Gruccioni, e all’intrico della macchia mediterranea. La Riserva è stata istituita con L.R. 26 agosto 1988, n. 50 (B.U.R.L. del 20 settembre 1988, n. 26)

si estende per circa 44 ettari sul litorale a sud di Roma nel Comune di Anzio. Sito di importanza comunitaria a livello europeo è un vero scrigno di tesori: una testimonianza ormai rara delle antiche foreste litoranee che occupavano l’intero settore costiero del Lazio meridionale. La ricchezza di ambienti concentrati in un fazzoletto di territorio fa da contraltare ad una lunga storia, sia geologica, sia umana che ha visto protagonista questo luogo.

Autore dell'articolo: Lux Area