MATRIMONIO con RITO BUDDISTA e “l’AMORE per la VITA” al Centro

(di Debora MacchiEvent Designer e FiloBuddista)
**************************************
Il Matrimonio Buddista ha un significato molto lontano dal rito religioso di altre tradizioni, è un’unione fortemente spirituale che intende toccare l’anima e trascendere lo spazio e il tempo, poichè per la legge del Karma di causa-effetto, che secondo il buddismo regola tutte le leggi dell’Universo, le relazioni sono eterne e ci si ritrova vita dopo vita, ci si riconosce, si percepisce il legame più o meno forte, che tiene unite le persone nel tempo.
Per questo il matrimonio è una scelta volontaria e sentita profondamente, un vero inno all’Amore, perchè non è legata a tradizioni, tappe, dogmi, sacramenti, status sociale, in quanto il Buddismo non prevede regole da seguire, ma scelte consapevoli, dettate dalla saggezza acquisita con la pratica della meditazione e quindi dall’illuminazione.
Quando due praticanti o simpatizzanti buddisti scelgono di sposarsi in Italia, il rito buddista è solo una sorta di “dichiarazione d’Amore” non ha valore ufficiale se non associandola ad un rito civile, per cui bisogna fissare un appuntamento in Comune, andare con i testimoni e firmare i documenti necessari perché risultino sposati concretamente.
Durante il Rito buddista infatti, gli Sposi fanno solo testimonianza del loro Amore, con l’intervento di qualche amico caro o di vecchia data, che può sostenere la cerimonia con il racconto di aneddoti della loro love story e con incoraggiamenti estratti da antichi testi sacri, o Sutra.
Il Rito Buddista dovrebbe essere celebrato in un Tempio, alla presenza di un Ministro di Culto dell’Istituto di appartenenza ma, se non fosse possibile, andrebbe bene ricreare la tipica atmosfera semplice e minimalista di un Tempio, anche se in un’altra location, in ogni caso non può mancare al centro, tra gli Sposi, il simbolo della propria Scuola Buddista, che sia la statua del Buddha o un Mandala; durante la cerimonia si leggeranno dei versi del Sutra, di seguito al rito, che consiste (per Sposi e Testimoni) nel bere tre sorsi di Sakè da tre tazze, le quali rappresentano simbolicamente il passato, il presente e il futuro … per il motivo che spiegavo prima.
Tutto viene rallegrato da canti e musica a piacimento, seguito da festa a proprio gusto.
Infine una chicca: non si usano abiti tradizionali, ma la Sposa non dovrebbe vestire di bianco, poichè nel buddismo è il colore che si usa durante i funerali … e anche questo la dice lunga sulla gioiosa visione buddista della Vita … e della Morte !
Per un Matrimonio cosi particolare, lasciatevi seguire da un professionista del settore Eventi, che saprà realizzare il vostro desiderio con le soluzioni più adatte alla situazione
**********************
Organizzazione Matrimoni e Party
DEBORA MACCHI Event Designer e Praticante buddista
☎ Num.Verde Gratuito 800 771 665
🌐 www.luxarea.it ✉ info@luxarea.it

Autore dell'articolo: Lux Area